Prove

RITORNO CONVINCENTE

Pubblicata il 01/08/2017
  • Invia articolo per mail
  • Condividi
  • Lascia commento


L’avevamo lasciato in Germania in una prova comparativa che non gli aveva reso troppo onore, il nuovo MAN TGX (in taratura da 460 CV, però). Adesso gli concediamo la prova d’appello sul nostro percorso, convinti che, con riferimenti più certi, ci siano i presupposti per fare bella figura. A scendere in campo, stavolta, è il più dotato 18.500 EfficientLine 3, massima espressione fra i pesanti di linea del Leone che vogliono badare anche ai consumi. Ricetta non semplice da bilanciare, che tuttavia la MAN - lo dimostrano i risultati sul percorso - ha saputo ben cucinare. Scopriamone prima tutti gli ingredienti.

 

Cosa c’è di nuovo

Nel passaggio alla fase “c” dell’Euro 6, il TGX ha mantenuto intatta la sua fisionomia, sia estetica sia tecnica; ma proprio sulla meccanica ci sono state importanti modifiche al 6 cilindri e un “canale di trasmissione” del tutto nuovo. Il 12,4 litri D26, a dispetto della cilindrata più piccola nella classe dei 13 litri, resta un diesel molto raffinato: lo dimostra la sovralimentazione a due stadi, con raffreddamento intermedio. Adesso guadagna nuovi pistoni in acciaio, raffreddamento regolato dell’olio, ventola a controllo elettronico e pompa acqua a portata variabile. Nella sostanza si registra l’innalzamento di 20 CV e 200 Nm per tutte le tarature, a partire dal 420; non di meno, gli intervalli di manutenzione sono stati portati a 140mila km o 18 mesi. E siamo al cambio che, come detto, ha mantenuto solo il nome del precedente: sotto l’insegna MAN TipMatic 12+2 si cela infatti una scatola Scania. Scelta di gruppo - Volkswagen - ma anche di buon senso, che nella condivisione di componenti trova la miglior razionalizzazione possibile. Svedese è pure il rallentatore, che dev’essere super di natura giacché i freni motore Scania non sono brillantissimi; invece quello a decompressione MAN (EVBec) lo è: così, i due ausiliari assommano la bellezza di 825 kW di potenza traente! Al ponte, che resta MAN, un rapporto 2,53:1, nemmeno fra i più estremi, ormai, per i camion da lungo raggio.

 

Spazioso già così

Benché non sia questa XLX la cabina massima per il TGX non ci si può lamentare degli spazi a disposizione. Il tunnel è di soli 12 centimetri e sopra ne restano oltre 180 prima di arrivare al soffitto. La luminosità, anche senza i vetrini del tetto, peculiari della più alta XXL, grazie al grande parabrezza e ai due fianchi (dietro le porte) parzialmente trasparenti, è notevole; viene accentuate dalle tonalità chiare, appena introdotte al posto del triste grigio che predominava prima su tutti i MAN; in vero, ne è rimasto un po’ nella strumentazione, lei sì bisognosa di un refresh soprattutto nel display oramai chiamato a dare sempre più informazioni: dall’EfficientCruise che regola la velocità in funzione delle coordinate GPS, all’EfficientRoll che mette in folle quando si può avanzare per inerzia; sul nostro TGX c’era anche l’Attention Guard a vigilare sui riflessi del conducente, valutando le variazioni nella modalità di sterzata. A proposito di sterzo, il comando MAN è molto diretto, eppure leggero: richiede un po’ di assuefazione, poi restituisce abbastanza bene il comportamento delle ruote. Il volante non ha l’escursione dei concorrenti più recenti, però consente comunque di sistemarsi a dovere. L’abbondanza di superfici vetrate restituisce una buona visibilità, migliorabile solo sulla sinistra dove in certe manovre il guscio monolitico del retrovisore crea un certo angolo cieco. Più fastidioso il disallineamento della pedaliera, che nel passaggio dall’acceleratore al freno obbliga a sollevare la gamba. 

 

Confortevolmente efficiente

Per il resto il TGX appare comodo e silenzioso: ottime le sospensioni della cabina, che abbinate agli ammortizzatori a controllo elettronico del telaio (optional) permettono un assetto confortevole e allo stesso tempo stabile; quanto alla rumorosità, pur non raggiungendo le vette del cugino svedese, ci va molto vicino: considerati i quasi vent’anni di differenza non c’è di che lamentarsi. Il motore, più che per i 500 CV, impressiona per l’elasticità: spinge con convinzione già a 900 giri, peraltro ben supportato dal nuovo cambio. A parte qualche sbavatura in certe scelte di rapporto, nel complesso pare che il MAN ci abbia guadagnato nel passaggio a questa nuova trasmissione. E funziona piuttosto bene (quasi quanto sugli Scania) anche il cruise control predittivo ad essa collegato. Di forza il TGX ne ha, visto che ha chiuso tutte le tappe, anche quelle difficili, a velocità superiori agli 80 km/h. Il consumo finale, al netto dell’AdBlue, è migliore di quello già ottimo dello Scania S500, ma considerando che lo svedese solo SCR di additivo ne beve di più, il MAN finisce per distanziarlo. Almeno questo ha sentenziato il nostro percorso, a parità di autista e di semirimorchio. 







Nessun Commento



Le ultime notizie




shoped

Digital Edition

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli tuttoTrasporti Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli Quattroruote Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli Dueruote Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli Ruoteclassiche Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli TopGear Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli X Off Road Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.






Meteo

Listini del nuovo

Veicoli commerciali leggeri


Veicoli industriali

Bacheca


Tuttotrasporti in edicola
Sul numero di Dicembre:

-          Prova del Renault T 520 High

-          Iveco, Scania e Volvo: il futuro del gas

-          USA, il meglio del Salone di Atlanta

-          Cava-cantiere: MB Arocs e Iveco X-Way

-          Van e pick-up of the Year 2018

-           Ford, ecco il nuovo Transit Custom

-          Autotrasporto a rischio tagli

-          GIS, la vetrina degli eccezionali

-          Contratto di lavoro, è stallo

-          Modellini di truck, che passione

-          Autobus, tutte le novità da Courtrai

-          Costi d’esercizio dei veicoli industriali

-          Listini del nuovo e quotazioni dell’usato

Disponibile su tutti i dispositivi

Sfoglia l'ultimo numero
Abbonati on line

| Editoriale Domus | Quattroruote | Il Cucchiaio d'Argento | Domus | Dueruote | ShopED | Ruoteclassiche
| Pista ASC | Quattroruote Professional | Pubblicità |

Editoriale Domus SpA Via G. Mazzocchi, 1/3 20089 Rozzano (Mi) - Codice fiscale, partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n. 07835550158
R.E.A. di Milano n. 1186124 - Capitale sociale versato € 5.000.000,00 - Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Privacy policy - Informativa Cookie completa - Lic. SIAE n. 787/I/07-908