Test

LUNGA STRADA AL METANO

Pubblicata il 28/09/2017
  • Invia articolo per mail
  • Condividi
  • Lascia commento


Fare a meno del gasolio sulle lunghe distanze è da tempo la grande sfida dell’Iveco. Adesso, con la cabina larga e i 400 CV dello Stralis NP, è molto più credibile. La sigla sta per Natural Power, desinenza universale per tutti i prodotti a metano del gruppo. In questo caso, però, il gas è allo stato liquido: LNG e non CNG, con una densità energetica (potere calorifico per volume occupato) assai superiore, tale da garantire un’autonomia fino a 1500 km. Affrancato dall’affanno di trovare un distributore, anche se la rete di quelli in grado di rifornire i due serbatoio criogenici (contenitori in grado di mantenere il gas a -120/130°C) non è ancora così ramificata, questo Stralis è quanto di più concreto oggi ci sia sul mercato dei camion a trazione alternativa, nell’attesa che gli ibridi escano dall’eterna fase sperimentale e gli elettrici trovino batterie dal ragionevole rapporto costo/efficienza. Le aziende ci credono e già qualche volta tuttoTrasporti ne ha seguite alcune, durante il normale ciclo operativo, per toccare da vicino gli Iveco a metano. 

L’imputato si alzi - Però erano esperienze diverse e non solo perché diverso era il camion (330 CV e cabina Hi-Road). Stavolta lo Stralis NP sale davvero sul banco degli imputati e deve dimostrare la sua convenienza, incastrato dal responso di cronometro e contalitri. Anzi, conta… chili, perché il metano si vende comunque a peso, anche quando è in forma liquida. E qui già cominciano le peculiarità di questo Stralis, in cui il processo di trasformazione a gas è talmente integrato che il display del cruscotto è in grado di riportare persino i consumi (questione tutt’altro che banale, come vedremo in seguito); peccato lo faccia indicando i litri e non i chili, dato che nella strumentazione è rimasta la matrice LCD del modello a gasolio per ovvie economie di scala. Pazienza, basta saperlo. Nella sostanza l’NP offre gli stessi 400 CV del Cursor 9 diesel e pure la medesima coppia, 1700 Nm: un bel salto in avanti rispetto ai 330 CV/1300 Nm di prima. 

Testimonianza di maturità -  Oltretutto finalmente con il conforto (e il confort) del cambio automatizzato prima non disponibile per il motore a gas. Ciò valeva anche per i (pochi) concorrenti, a ulteriore conferma del non facile abbinamento fra l’erogazione un po’ scorbutica e il selettore robotizzato; tant’è vero che, per applicazioni particolari, veniva in soccorso Allison con un automatico vero, il cui convertitore andava proprio a sopperire ai buchi di coppia. Il fatto che oggi un As Tronic possa lavorare in sintonia con il Cursor 9 a gas è un’ulteriore conferma della validità di quest’ultimo. Resta, invero, qualche strappo in manovra, dettato più che altro dal ritardo di risposta al pedale dell’acceleratore: colpa dell’iniezione indiretta (appena sopra le valvole d’aspirazione, ma pur sempre fuori dai cilindri). Però appena ci si muove in strada tutto ritorna nella norma. L’accelerazione dell’NP è all’altezza dei suoi 400 CV, la ripresa un po’ meno: anche se i valori nominali sono quelli del diesel, un conto è leggere le curve di coppia e potenza ottenute al banco (frenando il motore), altra storia è cercare di fargli riprendere i giri trainando un rimorchio. A proposito di veicoli al traino, tutte le valutazioni su prestazioni e consumi hanno tenuto conto del fatto che il trattore della prova ha trainato il semirimorchio del reparto testing dell’Iveco e non il nostro zavorrato per 40 anziché 44 tonnellate di peso complessivo, su un percorso in parte diverso da quello usuale. Diciamo subito che lo Stralis a metano va, e neppure piano: nel test in salita dall’imbocco dell’A26 all’area di servizio Turchino non è mai sceso sotto i 53 km/h in decima marcia e a 1550 giri/min; abbiamo visto risultati peggiori con diesel di potenza anche superiore, quindi la forza c’è. 

Che la forza sia con lui - Con qualche alchimia e un po’ di conteggi siamo riusciti a stabilire che sulla tappa di confronto Genova-Alessandria l’NP 400, zavorrato alle canoniche 44 tonnellate, avrebbe consumato 30,37 kg di metano ogni 100 km (3,29 km/kg), contro i 33,93 litri di gasolio (2,95 km/l) del fratello XP 480 provato di recente, ad una media di appena 2 km/h in meno. Comunque lo Stralis NP non vuole rivaleggiare col diesel: fa un lavoro diverso e non viene quasi mai sfruttato del tutto in portata, semmai in volume (ecco perché era carico solo a 40 ton). Fatte queste precisazioni, nel giro completo con partenza e arriva da/a Piacenza Sud, abbiamo bruciato 81 kg di metano stando alla strumentazione di bordo; alla pompa ne sono entrati un po’ di più, ma poi abbiamo dovuto sfiatarli per riportare la pressione nelle taniche su valori di sicurezza: purtroppo è sempre difficile determinare univocamente i consumi di un veicolo a gas, essendo molto influenzati dalla temperatura e dalla pressione (oltre che dalla qualità del gas stesso). Nel complesso, da casello a casello, il nostro Stralis ha percorso quasi 4,4 chilometri con un chilo di metano, quando il miglior trattore diesel che abbiamo provato non va oltre i 3,4 km/l. Certo c’è da considerare il fattore prezzo che, stando al listino e prima degli immancabili sconti e/o incentivi, supera i 250mila euro, riferiti al veicolo base CNG con bombole per il metano allo stato gassoso. Che nella variante LNG sono sostituiti dai due serbatoi per metano liquido, ciascuno dei quali è fornito a 13.700 euro. Cifre importanti, che si diluiscono tenendo conto delle altre voci che concorrono al costo d’esercizio, a cominciare dai consumi: già con percorrenze intorno ai 100mila km/anno questo Iveco alternativo potrebbe valere la pena. C’è da sottolineare un altro aspetto importante: anche il mancato utilizzo di AdBlue contribuisce a ridurre ulteriormente il costo d’esercizio. Se il verdetto è di assoluzione quasi piena, è perché l’ostacolo a una piena operatività non riguarda tanto il veicolo quanto le infrastrutture ancora lontane dall’essere anche solo sufficienti. Bisogna crederci, e se tante aziende già lo fanno un motivo ci sarà: ne abbiamo cercato conferma nei tempi di attesa al rifornimento durante la maratona attraverso 14 regioni itailane cui abbiamo voluto sottoporre lo Stralis NP.







Nessun Commento



Le ultime notizie




shoped

Digital Edition

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli tuttoTrasporti Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli Quattroruote Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli Dueruote Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli Ruoteclassiche Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli TopGear Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli X Off Road Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.






Meteo

Listini del nuovo

Veicoli commerciali leggeri


Veicoli industriali

Bacheca


Tuttotrasporti in edicola
Sul numero di OTTOBRE:

-          Prova dell’Actros 1846, il risparmioso

-          Test degli antifurti per i commerciali

-          Scania, arriva Classe XT

-          DAF, ecco i nuovi multiassi

-          Terrorismo: come proteggere tir e autisti

-          Alaskan, il primo pick-up Renault

-          Tra gasolio e elettrico vince l’ibrido?

-          Al via gli incentivi per comprare gli Euro 6

-          Parla il neo Segretario della Fai

-          La gomma traina la ripresa economica

-          Autobus, BYD presenta la gamma elettrica

-          Costi d’esercizio dei veicoli pesanti

-          Listini del nuovo e quotazioni dell’usato

Disponibile su tutti i dispositivi

Sfoglia l'ultimo numero
Abbonati on line

| Editoriale Domus | Quattroruote | Il Cucchiaio d'Argento | Domus | Dueruote | ShopED | Ruoteclassiche
| Pista ASC | Quattroruote Professional | Pubblicità |

Editoriale Domus SpA Via G. Mazzocchi, 1/3 20089 Rozzano (Mi) - Codice fiscale, partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n. 07835550158
R.E.A. di Milano n. 1186124 - Capitale sociale versato € 5.000.000,00 - Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Privacy policy - Informativa Cookie completa - Lic. SIAE n. 787/I/07-908