Fiap

DUE PROPOSTE PER CAMBIARE LA CQC

Pubblicata il 29/06/2020
  • Invia articolo per mail
  • Condividi
  • Lascia commento


Con il Decreto legislativo n. 50 del 10 giugno (pubblicato in G.U. l’11 giugno), è stata recepita dal nostro Paese la Direttiva comunitaria 2018/645 che modifica la disciplina di base della formazione per l’ottenimento della Cqc, la carta di qualificazione professionale dei conducenti. Con l'occasione la Fiap, Federazione italiana autotrasportatori professionali, rilancia al Governo due proposte di modifica avanzate nel 2013 e per le quale ora ritiene i tempi maturi per l'accoglimento.

Sistema a punti. “La prima proposta riguarda il sistema a punti applicato alla Cqc", spiega Silvio Faggi, segretario sazionale della Fiap. 2A chi frequenta un corso di rinnovo della carta di qualificazione, della durata di 35 ore, andrebbe a nostro avviso ripristinata la dotazione di 20 punti iniziale, nel caso in cui il punteggio effettivo al momento del termine del corso sia inferiore. I programmi didattici per i corsi per il recupero dei punti e quello per il rinnovo della Cqc sono molto simili e insistono sulle stesse tematiche. Quindi, una evidente perdita di risorse e tempo per un conducente che si ritrova a frequentare corsi i cui contenuti sono ripetitivi. Se poi si osserva che alcuni Stati aderenti alla U.E. non impongono alcuna formazione obbligatoria per il rilascio della Cqc appare di tutta evidenza la necessità di affrontare il tema con grande attenzione e ragionevolezza".

Corsi annuali. La seconda proposta della Fiap verte su un percorso formativo continuo a cadenza annuale. “L’idea nasceva dal fatto che imporre a un conducente al termine dei cinque anni di validità della sua Cqc a frequentare un corso di 35 ore da tenersi in due mesi con orari e modalità rigide era ed è tutt’ora un obbligo che poco o nulla ha da spartire con l’esigenza di aggiornare e consolidare le conoscenze di base necessarie per svolgere la professione. Un onere mal sopportato dai conducenti ma anche dagli stessi formatori e che, fra l’altro, ha dato luogo anche ad abusi”, precisa Faggi. “Una formazione siffatta non solo non raggiunge gli scopi per i quali è stata prevista ma rischia di essere addirittura contro producente. La proposta che allora avanzammo e che oggi riproponiamo è quella di esaurire le 35 ore di formazione necessarie per il rinnovo della Cqc spalmandole su cinque anni con moduli di sette ore all’anno. Stesso obiettivo, minor impatto”, conclude Faggi. 

Redazione online







Nessun Commento



Le ultime notizie






shoped

Digital Edition

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli tuttoTrasporti Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli Quattroruote Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli Dueruote Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli Ruoteclassiche Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli TopGear Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.

Per te l’edizione digitale
è su tutti i dispositivi!

Scegli X Off Road Digital Edition e sfoglia la tua rivista preferita dove e quando vuoi sul tuo computer, tablet e smartphone.






Listini del nuovo

Veicoli commerciali leggeri


Veicoli industriali

Bacheca


Tuttotrasporti in edicola
Sul numero di LUGLIO-AGOSTO:

- Iveco: come lavora il laboratorio dell'efficienza 
- In prova il Ford Transit EcoBlue Hybrid
- Acea, le emissioni medie di CO2 dei camion
- MAN TGX, T ed FH si buttano nella mischia
- Il 6 cilindri Scania adesso è un vero Grifone
- Come va il DAF CF 8x4 allestito e pronto all'uso
- Sicurezza stradale: la certificazione Iso 39001
- Troppo elevata l'età media di rimorchi e semirimorchi
- Ford e Volkswagen, tre modelli insieme
- Il ritorno del Maxus
- Malpensa Cargo, opportunità e incognite 
- Indagine nel Lodigiano: i ritmi impossibili degli autisti

Disponibile su tutti i dispositivi

Sfoglia l'ultimo numero
Abbonati on line

| Domus | Dueruote | Il Cucchiaio d'Argento | Meridiani Montagne | Quattroruote | Ruoteclassiche | Editoriale Domus
| Accademia ED | Pista ASC | Quattroruote Professional | Pubblicità | ShopED |

Editoriale Domus SpA Via G. Mazzocchi, 1/3 20089 Rozzano (Mi) - Codice fiscale, partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n. 07835550158
R.E.A. di Milano n. 1186124 - Capitale sociale versato € 5.000.000,00 - Tutti i diritti riservati - All rights reserved - Informativa Privacy - Informativa Cookie completa - Lic. SIAE n. 787/I/07-908