Cerca

Seguici su

Attualità

In autostrada SERRATA DEI BENZINAI DAL 27 NOVEMBRE

Pubblicato il 04/12/2020 in Attualità
SERRATA DEI BENZINAI DAL 27 NOVEMBRE
SERRATA DEI BENZINAI DAL 27 NOVEMBRE

I gestori dichiarano di non riuscire più a sostenere il drastico calo delle vendite, che ha toccato il 70%.

In una prima fase, che partirà venerdì 27 novembre, i distributori autostradali incroceranno le braccia nelle ore notturne; a partire lunedì 30 la chiusura dei distributori nelle aree di servizio sarà invece totale, quindi anche durante il giorno. Lo stop è stato annunciato dalle associazioni di categoria Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc Confcommercio in una lettera congiunta inviata al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

Perdite fino al 70%. L'introduzione delle limitazioni alla circolazione per contenere la pandemia di Covid-19, ha infatti assestato un altro duro colpo all'attività degli impianti di rifornimento, con cali dell'erogato e del fatturato di oltre il 40% sulla viabilità ordinaria e di circa il 70% su quella autostradale. I gestori si dicono allo stremo, non più in grado di sopportare i costi fissi di un servizio considerato essenziale e che non possono essere compensati dalle vendite residuali. "Non si tratta di un’iniziativa di sciopero", sottolineano i sindacati, "ma di una concreta conseguenza della drammatica sofferenza della categoria".

Trasporti in allarme. Nonostante il mini-lockdown (con l'Italia divisa in zone rosse, arancioni e gialle) e il diffuso ricorso allo smartworking, la protesta rischia avere ripercussioni anche su altre categorie ancora operative. Prima fra tutte quella degli autotrasportatori che devono assicurare i rifornimenti di beni di prima necessità, di medicinali e di materiale sanitario.

Le richieste della categoria. Le sigle sindacali chiedono quindi al governo di estendere ai gestori, "incomprensibilmente esclusi", i provvedimenti di carattere generale previsti dal cosiddetto Decreto Ristori. Inoltre, "la categoria è ancora in attesa del decreto ministeriale attuativo che consenta di beneficiare della Legge sui contributi figurativi già prevista nella Fase 1". Senza tralasciare il fatto che nonostante le promesse dell'esecutivo "non si sono concretizzati gli interventi ripetutamente annunciati quali il trasferimento” alle gestioni della riduzione delle royalties da parte dei concessionari autostradali agli affidatari".

Redazione online

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.