Cerca

Seguici su

Industria

Unatras al Governo "ATTENDIAMO FATTI CONCRETI"

Pubblicato il 12/07/2012 in Industria

Il segretario generale dell'Unatras, Pasquale Russo, ribatte alla dichiarazioni fatte dal sottosegre

Il segretario generale dell'Unatras, Pasquale Russo, ribatte alla dichiarazioni fatte dal sottosegretario ai Trasporti, Bartolomeo Giachino (leggi), con un commento inviato alla nostra redazione che pubblichiamo qui sotto.

"Trovo strano che il Sottosegretario provi stupore per l'insoddisfazione dell'Unatras dopo la riunione del 14 luglio - scrive Russo - in quanto tale giudizio era stato esplicitato dal presidente dell'Unatras Coppelli, oltre che da tutti gli intervenuti a nome dell'Unatras.

Mi corre l'obbligo di specificare, anche per evitare il formarsi di interpretazioni non rispondenti alla realtà che le dichiarazioni di Giachino potrebbero ingenerare, che l'insoddisfazione per i risultati dell'incontro è stata resa nota anche dal rappresentante del mondo della cooperazione che ha anche sottolineato come da diverse riunioni non si raccolgono altro che impegni a fare e poco di concreto.

Quindi non è solo l'Unatras ad essere insoddisfatta. Se poi pensiamo che lunedì vi è stata anche una manifestazione di protesta di Fiap/m Trasportunito vediamo che l'insoddisfazione è comune a molti.

L'attenzione del Governo nei confronti del settore, sia per lo stanziamento in finanziaria di risorse importanti che per le norme di legge emanate con procedura d'urgenza, è stata sempre riconosciuta da noi dell'Unatras. Bisogna anche rimarcare, però, che se le risorse non diventano spendibili per le imprese in quanto mancano i provvedimenti attuativi e se le disposizioni amministrative non rendono operative le norme di legge, di fatto è come se non si fosse fatto nulla.

Assumendo ad esempio gli emendamenti al Codice della strada, è vero che sono il frutto di richieste della categoria ma il testo di legge verrà approvato nella prossima settimana, poi inviato al Senato che però in tre settimane ben difficilmente approverà il lavoro della Camera e quindi quelle norme non entrano in vigore. Quindi le modifiche diverranno operative, non come ha promesso il Sottosegretario entro il mese di luglio, ma molto dopo.

La stessa destinazione dei 43 milioni per i pedaggi ancora oggi l'Albo non li ha in disponibilità e fintanto che non vengono trasferiti alle imprese è come non esistessero. Altrettanto dicasi per la riduzione di quello che Lui chiama "bolli". Se l'Agenzia delle Entrate non darà la disposizione in tempo utile, le imprese non potranno recuperare tali importi neppure con i versamenti di agosto.

Dopo un anno e tante riunioni non crede il sottosegretario Giachino che le imprese, in evidente stato di necessità, abbiano quindi il diritto di non essere soddisfatte di incontri nei quali con le parole viene dato tutto per risolto ma nei fatti così non è?

Infine dov'è il decreto del fondo sottoscritto? Non basta sentirne parlare, bisogna che diventi in tempi brevi operativo. Che impegni si assume Giachino a nome del Governo? E' in grado di farlo? Noi attendiamo i fatti concreti. Questo chiedono le nostre imprese".

Pasquale Russo
Seg Gen.le Unatras

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.