Cerca

Seguici su

Industria

Piombino e Taranto LE ACCIAIERIE RIPARTONO, I TIR SPERANO

Pubblicato il 12/07/2012 in Industria
LE ACCIAIERIE RIPARTONO, I TIR SPERANO
LE ACCIAIERIE RIPARTONO, I TIR SPERANO

Segnali di ripresa da due acciaierie italiane in crisi da mesi: la Lucchini di Piombino e l'Ilva di

Segnali di ripresa da due acciaierie italiane in crisi da mesi: la Lucchini di Piombino e l'Ilva di Taranto. Tornano così a sperare i relativi indotti dell'autotrasporto, ai quali i frequenti fermi delle acciaierie hanno inferto colpi durissimi.

A Piombino è in corso il riavvio dell'altoforno, fermo dal 25 luglio per mancanza di ordini: era prevista una chiusura di due mesi, ma una ripresa della domanda ha dimezzato lo stop.

Lo scorso inverno l'altoforno riprese a funzionare il 6 gennaio in seguito al fermo produttivo iniziato il 28 novembre 2008: ma l'impianto, questa volta, dovrebbe riprendere l'attività a ritmi superiori rispetto ai mesi precedenti, passando da due a tre colate giornaliere.

A Taranto invece si sta procedendo alla riaccensione edell'altoforno 2, che porterà la produzione dell'Ilva dal 30% al 50% delle sue possibilità: una buona notizia che fa intravedere una discreta ripresa degli ordini, visto anche che in porto sono decisamente aumentate le importazioni di materie prime destinate all'Ilva.

La ripresa dei traffici è vitale per le aziende di autotrasporto del territorio che, secondo il locale segretario della Fai Vito Notarnicola, "in periodi normali mettevano in campo per l'acciaieria circa mille veicoli, e ora sono solo il 20%".

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.