Cerca

Seguici su

Industria

Scania 2021-2022 Le novità viste e quelle in arrivo

Pubblicato il 30/12/2021 in Industria
Le novità viste e quelle in arrivo
Chiudi

Alla conferenza di fine anno di Italscania, i buoni risultati degli ultimi 12 mesi e un programma incentrato su prodotti inediti, rete, elettrico e personale

La filiale italiana della Scania tira le somme di un 2021 in altalena (il mercato italiano dei camion oltre 16 ton ha fatto segnare un +55% nel primo semestre e un -23 nel secondo rispetto al 2020) ma soddisfacente per la Casa del Grifone. Le stime per la fine dell’anno nel segmento di riferimento vedono un complessivo di circa 20.800 veicoli venduti, con la Scania al 14,5% di quota, per il quarto anno consecutivo primo produttore estero. L’anno che si sta per concludere ha visto crescere il portafoglio di ordini a livelli record, come conseguenza della tendenza delle aziende a pianificare la sostituzione dei mezzi con maggiore anticipo.

Le novità viste e quelle in arrivo

Super ambizioni. L’avvenimento del 2021 è stato il lancio della nuova generazione Super, che apporta una serie di migliorie ai modelli a 6 cilindri: motore, cambio, ponte posteriore, telaio, che, motore ovviamente a parte, entro la fine del 2022 saranno estesi al V8. Quest’ultimo è stato protagonista di un’ottima performance, con mille ordini. Oltre ai modelli diesel, il 2022 vedrà l’ulteriore sviluppo dell’offerta di alternativi: metano non solo LNG ma anche CNG e ibrido di quarta generazione esteso dal 5 cilindri 9 litri al 6 cilindri 7 litri, con una maggiore scelta di cabine.

Le novità viste e quelle in arrivo

Passeggeri. Il mercato degli autobus ha affrontato un ulteriore calo attestandosi sulle 2100-2200 unità oltre le 8 tonnellate, imputabile al perdurare della crisi pandemica che ha colpito soprattutto i granturismo. L’Italscania ha messo a segno alcuni ordini per alcune centinaia di unità, facendo valere fra l’altro la sua esclusiva nel settore degli interurbani a metano liquefatto LNG (135 mezzi al gruppo emiliano Tper). Il 2022 vedrà l’arrivo della nuova generazione di autobus completi e telai, con lo sviluppo delle relazioni con i carrozzieri.

Le novità viste e quelle in arrivo

Motori e service. Crescita dell’80% in termini di fatturato e del 140% negli ordini per il settore della generazione di potenza, dove la Scania ha potuto avvantaggiarsi della disponibilità di unità Stage V e s’è aggiudicata alcune importanti gare. Il successo nelle attività di service è trainato, oltre che dal monitoraggio del circolante reso possibile dal fatto che il 90 percento degli Scania italiani è connesso, da una serie di nuovi prodotti, primo fra tutti l’On Site, che prevede la presenza di personale della Casa svedese a gestire le officine delle flotte. Crescono i contratti di manutenzione e riparazione - che nel 2021 hanno superato per la prima volta quota 10mila - e aumenta l’attenzione verso gli esemplari più anziani per fidelizzare i clienti oltre la soglia tipica dei 5 anni.

Redazione online

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.