Cerca

Seguici su

Industria

Continental svela quattro sistemi per il futuro

Pubblicato il 05/08/2022 in Industria
Continental svela quattro sistemi per il futuro
Chiudi

A sorpresa c’è anche una riconsiderazione dei camion a pantografo fra i programmi che il gigante dei componenti mostrerà all’IAA di Hannover

Il camion di domani conterrà molte innovazioni, non soltanto nella catena cinematica. Questa evolverà molto indipendentemente da quello che si rivelerà il sistema di propulsione più efficiente e applicabile. Verosimilmente non si tratterà di una soluzione universale ma di sistemi diversi che si riveleranno più idonei alle varie missioni (biocarburanti, combustibili di sintesi, idrogeno, batterie, ecc). 

Energia dal filo. Secondo i tecnici dell’azienda tedesca ci sono interessanti opportunità per i camion elettrici con alimentazione aerea a pantografo. Il sistema (che ha suscitato qualche perplessità per la complessità dell’impianto fisso, ndr) permette, con un peso aggiuntivo di 400 kg circa, di risparmiarne 1500 di batterie, e consente una buona combinazione tra l’opportunity charge (ricarica parziale in viaggio, attraverso il pantografo) e l’overnight charge, la carica lunga in azienda o nelle aree di sosta. Elettrificando i 4000 km di rete autostradale tedesca dove scorre il 60% del traffico merci, spiegano alla Continental, si otterrebbe un abbattimento del 60% delle emissioni, e il sistema sarebbe ancora più interessante con veicoli a guida autonoma in grado di lavorare 24 ore su 24.

Continental svela quattro sistemi per il futuro

Seguiti da lontano. Diverso sarà anche il modo di gestire i veicoli, perché è anche ottimizzandone l’efficienza e programmando viaggi e carichi in modo da ridurre gli sprechi che si ottiene un trasporto amico dell’ambiente. Su questo fronte sono impegnate Case e componentisti, a cominciare dai grandi nomi che nell’ultimo decennio hanno raccolto intorno a sé molte competenze di aziende storiche e start-up. La Continental punta su un portafoglio completo di offerte, che spazia dai componenti al software gestionale.

Continental svela quattro sistemi per il futuro

Il carico in una foto. Il Trailer Capacity Assesment Tool è un sistema semplicissimo da usare, che con processi di intelligenza artificiale calcola lo spazio disponibile su un veicolo – nella maggioranza dei casi un semirimorchio, ma si può adattare a qualsiasi centinato o furgonato. Completato il carico, l’operatore (autista o magazziniere) scatta una foto del vano di carico con lo smartphone o il tablet e la invia tramite un’app a una cloud dove viene processata con un sistema di intelligenza artificiale che calcola lo spazio libero (funziona anche con gli allestimenti a due piani) e lo comunica ai sistemi di gestione dell’ufficio traffico o alla borsa carichi, in modo che possano abbinare il veicolo alle richieste di trasporto.

Continental svela quattro sistemi per il futuro

Secondo le regole. L’EU Mobility Package è un software che tiene sotto controllo i processi logistici e ne analizza automaticamente la compatibilità con le leggi vigenti. Automatizzando così molte funzioni relative alla burocrazia (per esempio il controllo del cabotaggio), libera le risorse aziendali dall’operatività quotidiana fornendo dati da fonti certe. I dati dell’EU Mobility Package sono acquisiti attraverso l’ecosistema VDO Fleet, recentemente arricchito di nuove funzioni quali la comunicazione Bluetooth dei tachigrafi e il cross-border automatico, obbligatori dal 2003.

Continental svela quattro sistemi per il futuro

Sensore protetto. Per semplificare la manutenzione dei correttori d’assetto, oggi basati su un sensore meccanico con un biellismo esposto alle intemperie, al ghiaccio e al fango, i tecnici Continental hanno integrato il sensore nelle molle pneumatiche delle sospensioni (Air spring smart sensor). Il sistema semplifica l’hardware e con esso i costi di logistica e produzione e riduce le necessità di manutenzione. Quello proposto attualmente comunica con la rete di bordo attraverso un cavo, ma è previsto lo studio di una versione che sostituisca il “by wire” con un collegamento in radiofrequenza.

Massimo Condolo

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.