Cerca

Seguici su

Truck

IVECO T-WAY Lo specialista in grandi opere

Pubblicato il 21/07/2021 in Truck
Lo specialista in grandi opere
Chiudi

È il terzo atto del rinnovamento della gamma pesante, dopo lo stradale lungo raggio S-Way e l'X-Way per il rifornimento di cantieri. Erede del Trakker, è la nuova espressione del mezzo d'opera per lavori pesanti e fuoristrada.

La terza via degli Iveco Way riparte dalle fondamenta, dagli aspetti più puri del camion: robustezza, capacità di trasporto, mobilità su ogni terreno. In questo il T-Way è l'erede naturale del Trakker, schierato per  diciassette anni (ventotto considerata anche l'esperienza dell'EuroTrakker) nel settore del cava-cantiere più estremo, quello dei mezzi d'opera con pesi totali fino a 56 tonnellate, e anche oltre per le applicazioni speciali. Ecco le prime informazioni per tracciare il perimetro della gamma.

Lo specialista in grandi opere

Vestito offroad. Lo stile del nuovo modello recepisce naturalmente le linee inaugurate dallo stradale S-Way e dal multiforme XWay per l'approvvigionamento di materiali edili e il fuoristrada leggero, ma nel caso del T-Way la cabina leader è la più compatta del programma, la corta e stretta AD, completata da tutte le caratterizzazioni connesse al lavoro di un ribaltabile o di una betoniera per applicazioni fuoristrada. Il paraurti in acciaio in tre elementi con griglie di protezione dei fari, la protezione inferiore e i gradini di accesso all'abitacolo su supporto mobile permettono di evitare danni in caso di contatto col terreno. Resta disponibile la cabina lunga AT con tetto normale o alto.

Lo specialista in grandi opere

Struttura e meccanica. È naturalmente nella struttura e nella meccanica che si concentrano le specificità del T-Way rispetto ad S-Way e X-Way. La gamma di autotelai cabinati e trattori a due, tre e quattro assi dispone di un telaio con longheroni da 10 mm di spessore e un momento torcente di 177 kNm. La varietà di passi è stata ampliata per i modelli a trazione integrale, e per tutti quelli con assali tandem posteriori sono disponibili nuove sospensioni pneumatiche heavy duty. 

Lo specialista in grandi opere

La catena cinematica vede nuovamente protagonista il motore a 6 cilindri in linea Cursor 13, ma la versione di potenza massima è passata da 500 a 510 CV e soprattutto il cambio automatizzato è adesso l'Hi-Tronix a 12 o 16 rapporti, con diverse modalità dedicate alla guida fuoristrada: Hill holder per le partenze in pendenza, Rocking per lo stacco/riattacco della frizione, quando le ruote sono infossate, rilasciando l'acceleratore e Creep per le manovre a bassissima velocità. A sovrintendere il lavoro dell'Hi-Tronix e di altri sistemi c'è l'Hi-Cruise, che assicura il cambio marcia e la regolazione di velocità predittivi e si integra anche con l'Eco roll, la funzione di stacco della trasmissione per sfruttare l'inerzia in discesa. Per le applicazioni meno impegnative resta disponibile il Cursor 9, sempre a 6 cilindri.

Danilo Senna

Estratto dell'articolo pubblicato su tuttoTrasporti di maggio 2021, n. 449.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.