Cerca

Seguici su

Van & Pick-Up

Autista per un giorno IL DIARIO DI ELISABETTA

Pubblicato il 12/07/2012 in Van & Pick-Up
IL DIARIO DI ELISABETTA
Chiudi

Ciao a tutti, dalle pagine della rivista vi ho raccontato del mio approccio con il mondo dei camio

Ciao a tutti, dalle pagine della rivista vi ho raccontato del mio approccio con il mondo dei camion. Della mia prima guida, però, non vi ho detto nulla. Come potete immaginare, l'impressione è stata molto positiva. Aldo e Moreno, i miei tutori in quest'avventura, mi hanno fatto iniziare con lo Scania R500 senza frizione. Non era però la presenza o meno del terzo pedale a intimorirmi, ma le dimensioni: quasi 16 metri dietro le spalle, stando seduta a quasi due da terra, non sono proprio la norma per chi come me è abituata a un'auto sportiva, bassa e incollata alla strada
. Eppure mi sono subito sentita a casa, e nemmeno mi hanno intimorito le oscillazioni della cabina e del sedile. Sono abituata a un assetto rigido che è proprio l'opposto di questo, ma ho subito apprezzato come la schiena non prenda contraccolpi. La partenza è stata docilissima, l'acceleratore si dosa molto bene tanto che non ho avuto paura ad affrontare una curva cinque metri dopo aver preso in mano il volante di un camion per la prima volta. Anche la curva dopo è andata bene, e così le due successive, una più stretta dell'altra (almeno per i miei parametri da automobilista). Curvare non è difficile, l'importante è tenere sempre sotto controllo gli specchi? ho imparato bene?
Dopo l'R500, che ho guidato scarico, Moreno ha voluto farmi provare un 144-530. Che mi è piaciuto tantissimo per quella strana cuccetta messa sopra il parabrezza, con un letto larghissimo: difficile avere nostalgia del lettone di casa, con un camion così. Mi dicono che ha più di dieci anni e un bel po' di chilometri, ma non lo direi proprio: come fa il suo autista a tenerlo così bene? Parto, e mi sembra subito un camion da uomini duri.
Perché ha l'Opticruise con la frizione? Sì, forse. Ma soprattutto perché è carico, mentre l'R500 era scarico. Parto un po' meno fluida, ma già alla prima ripartenza è tutto ok, basta modulare bene la frizione. L'occhio per le curve ce l'avevo già, certo che frenare è tutta un'altra cosa, quando le tonnellate sono 44. Ma con un po' di dolcezza si ottiene tutto. Dopo qualche giro, purtroppo, è ora di scendere e tornare alla mia vita di tutti i giorni. Convinta, ancora una volta di più, che questo mestiere lo potrei ? anzi lo vorrei ? proprio fare.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.