Cerca

Seguici su

Van & Pick Up

Nuovo Ford Ranger Il pick-up si rifà il look e diventa hi-tech

Pubblicato il 24/11/2021 in Van & Pick Up
Il pick-up si rifà il look e diventa hi-tech
Chiudi

Nuovo look, maggiore versatilità e prestazioni rafforzate in e off-road. Ma anche più connettività e un potente V6 3.0 turbodiesel.

Immagine rinnovata, più connettività, maggiore grinta dentro e fuori dall’asfalto. La Casa dell’Ovale blu ha anticipato informazioni e dettagli tecnici della nuova generazione del modello globale Ford Ranger. L’apertura degli ordini del pick-up best seller è fissata per la fine del 2022, con la consegna dei primi esemplari prevista per i primi mesi del 2023.

Il pick-up si rifà il look e diventa hi-tech

Sync 4 e connettività. L’abitacolo, simile a quello di un’automobile, è dominato da materiali soft touch e dallo schermo tattile da 10,1 o 12” posizionato nella console centrale: racchiude il sistema multimediale Sync 4 dal quale si possono regolare molte delle funzioni del veicolo e si possono monitorare parametri come la trasmissione, l'angolo di sterzata, gli angoli di inclinazione e rollio. Il veicolo integra anche il modem FordPass Connect che consente di controllare il veicolo da remoto e azionare da un dispositivo portatile alcune funzioni (climatizzazione, blocco, sblocco) tramite l’apposita app.

Il pick-up si rifà il look e diventa hi-tech

Turbodiesel 3.0 V6. La novità più rilevante del nuovo modello è però nascosta sotto al cofano: un nuovo V6 3.0 turbodiesel, di cui però non sono ancora stati svelati i dettagli tecnici. Questo motore arriva ad affiancare il quattro cilindri in linea, sempre a gasolio, di 2.0 litri turbo (disponibile in due varianti di potenza) o biturbo a geometria variabile abbinato al cambio automatico. I clienti potranno poi scegliere tra due sistemi di trazione integrale, uno permanente e un altro che si aziona autonomamente solo quando il fondo o le caratteristiche del tracciato lo richiedono. I doppi ganci nel paraurti anteriore facilitano il recupero durante la guida in off-road.

Il pick-up si rifà il look e diventa hi-tech

Aumenta il passo. Sotto la carrozzeria c'è un telaio rinforzato con un passo più lungo di 50 mm - che ha permesso di migliorare anche l’angolo d’attacco durante la guida in fuoristrada - e una carreggiata più larga di altrettanto rispetto al precedente Ranger, oltre a sospensioni più robuste. Una struttura anteriore idroformata ha consentito di ricavare maggiore spazio nel vano motore per ospitare il nuovo V6, ma anche per accogliere i futuri sistemi di propulsione, preparandosi quindi alle varianti elettriche. Inoltre, la parte anteriore del pick-up consente ora di convogliare un maggiore flusso d'aria verso il radiatore, aiutando a mantenere basse le temperature di funzionamento durante il traino o il trasporto di carichi pesanti.

Il pick-up si rifà il look e diventa hi-tech

Carico, fissaggio e illuminazione. Il cassone dispone di un rivestimento in plastica resistente, per proteggere sia il pianale dai graffi sia le ginocchia di chi deve inginocchiarsi per caricare del materiale. Punti di ancoraggio extra, dislocati su robuste guide d’acciaio, permettono di fissare saldamente i carichi. Ma gli ingegneri Ford hanno pensato anche all’illuminazione: quella del vano, posizionata sotto le guide laterali, consente di lavorare in condizioni di scarsa visibilità, mentre i fari all’esterno (azionabili tramite lo schermo Sync o l’app FordPass) forniscono un fascio luminoso di 360 gradi attorno al veicolo.

Il pick-up si rifà il look e diventa hi-tech

Oltre 150 accessori. Considerando la flessibilità e la grande varietà di clientela a cui si rivolge (dai professionisti alle famiglie), in Europa si potrà personalizzare il modello con una gamma di oltre 150 accessori ideati per il lavoro, lo svago o l'avventura, tutti rigorosamente montati in fabbrica. Sono inclusi quelli sviluppati in collaborazione con l'icona mondiale del fuoristrada ARB 4x4. La nuova generazione di Ranger in arrivo l’anno prossimo sarà costruita e assemblata negli stabilimenti Ford presenti in Thailandia e Sud Africa.

Roberto Barone

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.